aggiornato il 22 Apr 2018 alle 3:02 PM
NEWS

Inca in piazza, a Lecce e Gallipoli servizi gratuiti del patronato Cgil

Manifestazione in oltre 150 piazze italiane per far conoscere l’attività svolta

Sabato 24 marzo ufficio mobile e stand in piazza Mazzini (dalle 10 alle 19)

e in piazza Tellini nella Città Bella (dalle 17 alle 19.30)

“Ad ognuno il diritto alla tutela”. Con questo slogan domani, sabato 24 marzo, l’Inca offrirà ai cittadini, in modo gratuito, i suoi servizi. Appuntamento in piazza Mazzini a Lecce, dalle ore 10 alle ore 12.30 e dalle 17 alle 19.30, e in piazza Tellini a Gallipoli, dalle ore 16 alle ore 19.30. Saranno allestiti un ufficio mobile, che sarà presente al mattino a Lecce e nel pomeriggio a Gallipoli, ed un gazebo dove sarà distribuito materiale informativo. Alla manifestazione parteciperanno il Segretario Generale Cgil Puglia, Pino Gesmundo, la Segretaria Generale Cgil Lecce, Valentina Fragassi, il direttore provinciale del patronato Inca-Cgil Lecce, Gioacchino Marsano.

Inca, il Patronato della Cgil, sarà presente in oltre 150 piazze italiane per far emergere l’intensa attività di assistenza individuale che ogni anno assicura a milioni di cittadini e cittadine in materia previdenziale e socio-assistenziale. Saranno coinvolti tutti gli operatori e le operatrici del Patronato che, utilizzando anche uffici mobili, offriranno i loro servizi nelle piazze per dare ogni tipo di le informazione necessaria su prestazioni di welfare, pensioni, previdenza, infortuni, malattie professionali, permessi e congedi per maternità/paternità, invalidità civile, politiche migratorie e tanto altro ancora. Tutte materie sulle quali il legislatore, soprattutto negli ultimi anni, ha modificato nel profondo le modalità di riconoscimento.

L’iniziativa si prefigge un duplice scopo: da un lato diffondere la conoscenza dei diritti ed estendere le opportunità affinché ad ogni cittadino sia data la possibilità di esercitarli; dall’altro far conoscere come il Patronato abbia riorganizzato la propria struttura per rispondere in modo più aderente alla realtà ai bisogni vecchi e nuovi di tutela. Sarà anche l’occasione per sottolineare come il prezioso ruolo sociale del Patronato di intermediazione tra il cittadino e le Pubbliche amministrazioni sia un patrimonio irrinunciabile per dare risposte alla crescente domanda di assistenza.