aggiornato il 16 Jul 2018 alle 9:28 AM
NEWS

Tutti a scuola di cucina contadina a km zero Al via primo corso per agrichef di Campagna Amica

 

Pietanze prelibate realizzate con i prodotti di Campagna Amica Lecce. Al via il primo corso per agrichef del Salento. Il 16, 17 e 18 aprile, nell'agriturismo “Masseria Stali” di Caprarica, dalle ore 15 alle ore 19, l'agrichef veneziano Diego Scaramuzza, presidente nazionale di Terranostra, assieme allo chef salentino Andrea Serravezza, terranno una serie di lezioni teoriche e pratiche incentrate sulla cucina regionale di mare e di terra, con l'impiego prevalentemente dei prodotti di stagione delle aziende agricole del Salento.

La faranno da padrone fave e piselli freschi, asparagi e pesce azzurro.

I due cuochi affronteranno la problematica legata al sempre più massiccio consumo di prodotti stranieri nella ristorazione ma anche nelle case. Riflettori poi sui prodotti del territorio “che hanno un'anima – sostiene lo chef Andrea Serravezza - e vanno selezionati e manipolati secondo alcuni principi fondamentali: territorialità, stagionalità, qualità della materia prima. Il piatto perfetto è quello realizzato interamente con prodotti che ho comprato oggi, che sono della mia terra, di stagione e non rispondono a canoni del mercato industriale”.

Ai partecipanti sarà spiegato come preparare un menù esclusivo per eventi importanti o per la ristorazione quotidiana, partendo da materie prime poverissime, come le verdure, il farro, il grano e dal pesce azzurro locale.

  “Vogliamo con questo primo corso per agrichef accendere i riflettori sull'importanza della cucina realizzata con prodotti locali – commentano il presidente di Coldiretti Lecce, Pantaleo Piccinno e il direttore Giuseppe Brillante – la vacanza in campagna è sempre più sinonimo di relax e benessere e dunque, per le nostre imprese agrituristiche, è importante completare l'offerta con menu che attingano a piene mani proprio dalla campagna che, ricordiamo non è solo splendido paesaggio ma anche fonte di reddito per tanti agricoltori locali impegnati quotidianamente nella produzione di alimenti buoni e genuini”.